Un futuro per i giovani


Intervento di Arturo Campanella - dirigente scolastico dell'ITI "A. Malignani " di Udine

 

   E' difficile dare una risposta nel merito della lettera perché bisognerebbe sapere quale scuola ha frequentata la ragazza, come ha costruito il suo curriculum, come lo ha presentato e via dicendo.
    Queste non sono questioni indifferenti quando ci si presenta davanti al "cacciatore di teste" di un'azienda. Uno dei grossi problemi che i ragazzi hanno è, infatti, quello di saper descrivere compiutamente le conoscenze acquisite, le competenze che possiedono e anche le esperienze che hanno maturato durante il periodo scolastico. Molto spesso i ragazzi oggi non possono dire che sono privi di esperienza lavorativa poiché quasi tutti durante il ciclo di studi svolgono un periodo di stage in azienda. Capisco i genitori e il loro disagio di fronte a un passaggio obiettivamente difficile, ma i ragazzi devono fare in modo di diventare i migliori alleati di sé stessi e per farlo devono prepararsi al contatto con il mondo del lavoro, con l'inserimento in una realtà competitiva che esige il massimo della performance. Per quanto riguarda il "Malignani" cerchiamo di dare ai nostri allievi informazioni sui vari strumenti messi a disposizione dalla Regione e da altre istituzioni per facilitare l'accesso al lavoro. Allo stesso modo insegniamo loro a redarre un curriculum nel formato previsto dalla Unione Europea. Va poi detto che, anche grazie al fondamentale supporto di Confindustria Udine con l'iniziativa "Fabbriche Aperte", realizziamo una pluralità di incontri con le varie associazioni datoriali e le diverse attività produttive della provincia. I ragazzi, inoltre, frequentano un piccolo modulo di avviamento al lavoro, destinato anche coloro i quali intendiamo sviluppare la propria propensione all'auto-imprenditorialità.  Il "Malignani" è sempre stato precursore nel rapporti scuola impresa e di iniziative come "Imprenderò".

   Attualmente stiamo studiando una soluzione informatica, all'interno del sito della nostra scuola, grazie alla quale potere far incontrare domanda e offerta di lavoro, nel quale gli imprenditori possano consultare i curricula di tutti i nostri allievi. Dovrebbe essere pronto all'inizio del 2011 per l'avvio della riforma della scuola in corso, alla quale, per altro, il "Malignani" contribuisce, grazie al fatto che otto nostri uomini stanno partecipando a scriverla.

(articolo apparso sulla rivista "Realtà Industriale" Confindustria di Udine dell'Ottobre 2009)